Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Scegli una categoria
Antipasti
Condimenti e salse
Contorni
Dolci
Dolci lievitati
Frullati e Bevande vegetali
Gelati
Marmellate e conserve
Pane e Pizza
Piatti unici
Primi piatti
Recensioni
Ricette Bimby
Ricette vegan
Secondi piatti
Senza categoria
SOS cucina
Vellutata vegan di patate dolci, zucca e castagne 1

Settimana scorsa per la prima volta ho acquistato le patate dolci, ogni volta che le vedevo mi dicevo prima o poi le proverò! E finalmente le ho prese 😀 Mi hanno davvero colpito, le ho trovate particolarissime.
Innanzitutto il gusto molto simile alle castagne e forse un po’ anche alla zucca, e poi la consistenza molto cremosa.
Come primo esperimento le ho fatte a listarelle, insaporite con sale aromatico, olio e paprika e messe al forno.
Dopo ho pensato di fare questa sfiziosa, leggera e gustosissima Vellutata vegan di patate dolci, zucca e castagne.
Ho pensato di associare alle patate americane la zucca e le castagne perchè, come vi dicevo, il sapore gli somiglia molto. Avevo poi un avanzo di coste di bietolina viola e le ho riciclate in questa preparazione.
La vellutata vegan di patate dolci è un pietanza adatta un po’ a tutti in quanto è senza lattosio, vegana e senza glutine.
Ho preparato la vellutata vegan di patate dolci, zucca e castagne con il bimby.

Ma le patate americane sono come le comuni patate?

Potremmo pensare che le patate dolci siano come le comuni patate, in realtà in comune hanno solo il nome che probabilmente deriva dalla provenienza di questo ortaggio (anche se attualmente vengono coltivate anche nel nostro paese).
Le patate dolci sono oblunghe, hanno una consistenza molto più morbida una volta cotte, e il gusto è totalmente diverso, molto più dolce.
Quello che è bene sapere è che la patata americana non appartiene alle famiglia delle Solanacee ma a quella delle Convolvulaceae.
Sono ricche di fibre, vitamine e sali minerali e sono povere di grassi.
Un altro punto a favore è che le patate dolci, rispetto alle patate comuni, hanno un indice glicemico più basso.
Infine quello che è buono sapere è che nella loro buccia è presente una sostanza denominata Cajapo, la quale si dice abbia effetti benefici sulla riduzione del colesterolo e della glicemia.
Ma adesso vediamo come ho preparato la Vellutata vegan di patate dolci con il bimby.

Vellutata vegan di patate dolci, zucca e castagne 2 Ingredienti

Per due porzioni

  • 250 g patata dolce (le mie erano quelle bianche)
  • 100 g zucca
  • 100 g carote
  • 50 g sedano (io ho usato i gambi delle biete viola) oppure altra zucca
  • mezza cipolla rossa
  • 3 castagne bollite
  • 430 g acqua
  • latte vegetale quanto basta (dopo la cottura)
  • sale qb
  • un pizzico di paprika
  • 2 cucchiai di olio d’oliva
  • 20 g di riso

Vellutata vegan di patate dolci, zucca e castagne 3 Procedimento

Per prima cosa lavate bene tutti li ortaggi, sbucciateli, tagliateli a pezzi e inseriteli nel bimby.
Aggiungete anche la cipolla e tritate a velocità 5 per qualche secondo e poi spatolate riportando tutto sul fondo.

Versate poi l’acqua, aggiungete il riso, il sale, la paprika, l’olio e cucinate a temperatura 100 gradi, velocità 1 impostando 28 minuti (posizionano il cestello sopra il coperchio).

A fine cottura aggiungete le castagne già bollite e aspettate qualche minuto per far scendere un poco la temperatura del bimby. Dopo frullate il tutto a velocità 9 fino ad ottenere un composto fluido, siccome la mia vellutata si presentava molto densa ho aggiunto un poco di latte d’avena.

Versate la vellutata vegan di patate dolci nei piatti, e arricchiteli come meglio preferite. Io ho aggiunto una castagna bollita sbriciolata, qualche goccia di panna di soia e qualche crostino di pane home made.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per ricevere gli ultimi e articoli e ricette via email

Author: Emanuela

Ciao a tutti, mi chiamo Emanuela e da qualche anno ho iniziato ad appassionarmi alla cucina, cercando di associare al gusto un'alimentazione più sana possibile. Ho aperto questo blog per condividere la mia passione e i miei consigli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *