Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Scegli una categoria
Antipasti
Condimenti e salse
Contorni
Dolci
Dolci lievitati
Frullati e Bevande vegetali
Gelati
Marmellate e conserve
Pane e Pizza
Piatti unici
Primi piatti
Raccolte
Recensioni
Ricette Bimby
Ricette vegan
Secondi piatti
SOS cucina
Pizza in padella con esubero di pasta madre 1

Ciao a tutti, finalmente riesco a scrivere una ricetta soprattutto salata (con questo caldo cucinare e stare al pc diventa un enorme sacrificio): la pizza in padella con esubero di pasta madre.
La pizza in padella con esubero è un ottimo compromesso quando si ha voglia di pizza ma fa troppo caldo per accendere il forno oppure si ha poco tempo da dedicare alla realizzazione della pizza.
Io solitamente uso l’esubero che in estate ne ho sempre un po, ma non troppo datato (3 giorni massimo), tuttavia se non lo avete potete seguire la ricetta della Pizza in padella con lievito di birra o istantaneo.

Per la cottura della pizza in padella con esubero vi consiglio di usare una padella in pietra in quanto mi trovo molto bene per questo tipo di ricetta, tuttavia se non l’avete e possedete una semplice padella antiaderente potete usarla ma prestate attenzione alla cottura abbassando la fiamma dopo 2-3 di minuti (specialmente se la padella è sottile) altrimenti potrebbe bruciarsi.

Per quanto riguarda il ripieno potete sbizzarrirvi e farcire la pizza in padella con esubero con quello che preferite, io amo associare alla mozzarella sempre qualche verdura come melanzane, spinaci ecc.
Trovate la farcitura di questa pizza alla fine della ricetta 😉

Pizza in padella con esubero di pasta madre 2 Ingredienti

Per una padella da 28-30 cm

  • 300 g farina (io uso 100 g farina grano duro rimacinata, 100 g farina 2 e 100 g farina 0)
  • 80-100 g esubero di lievito madre
  • 1 cucchiaino raso di sale
  • 1 cucchiaino di malto o zucchero
  • 2 cucchiai di olio d’oliva
  • 50 g latte
  • 120 g circa di acqua

Pizza in padella con esubero di pasta madre 3 Procedimento

Per prima cosa in una ciotola spezzettate l’esubero di lievito madre e scioglietelo nell’acqua (usatene 100 g poi in caso ne aggiungete altra), aggiungete il malto o zucchero e il latte e mescolate.
Unite l’olio, la farina e il sale ed impastate per bene.
L’impasto non deve essere appiccicoso ma nemmeno troppo secco (come la piadina), quindi regolatevi voi aggiungendo acqua o farina per ottenere la giusta consistenza che possa essere stesa senza problemi con il matterello.

Fate riposare in una ciotola chiusa per qualche ora fino al raddoppio, in estate bastano anche 3 ore.
A questo punto dividete l’impasto a metà, considerando che la parte sottostante della pizza va fatta poco più spessa e con il cornicione quindi deve essere un poco più grande di peso.
Stendete l’impasto della pizza e adagiatela in padella precedentemente oleata per bene.
Inserite il ripieno e poi richiudete con l’altra parte di impasto. Bucherellate la superficie con una forchetta, sigillate bene i bordi e spennellate con un filo di olio d’oliva.

Chiudete con il coperchio e fate lievitare per 1 ora a mezza. Ora non ci tocca che cuocere la pizza, quindi lasciate la fiamma medio alta per 5 minuti sul fornello medio, sempre con il coperchio.
Dopo abbassate al minimo, procedete la ottura per 7-8 minuti e infine girate la pizza e fate cuocere sempre al minimo con il coperchio per almeno 5 minuti (controllate sempre).
Per girare la pizza in padella potete farla scivolare in un piatto e poi appoggiare la padella sul piatto e voilà capovolgerete in un lampo la pizza.

Come ripieno della pizza in padella con esubero di pasta madre questa volta ho usato alla base prosciutto cotto, poi dadini di mozzarella lasciata a scolare precedentemente e peperoni (circa 500 g, peso da crudi) cotti in padella.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per ricevere gli ultimi e articoli e ricette via email

Author: Emanuela

Ciao a tutti, mi chiamo Emanuela e da qualche anno ho iniziato ad appassionarmi alla cucina, cercando di associare al gusto un'alimentazione più sana possibile. Ho aperto questo blog per condividere la mia passione e i miei consigli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *